Xagena Newsletter
Xagena Mappa
Xagena Newsletter
OncologiaMedica.net

Prevenzione secondaria a lungo termine delle malattie cardiovascolari con dieta mediterranea e dieta povera di grassi: studio CORDIOPREV


La dieta mediterranea e la dieta a basso contenuto di grassi sono efficaci nella prevenzione primaria delle malattie cardiovascolari.
È stato condotto uno studio randomizzato a lungo termine per confrontare gli effetti di queste due diete nella prevenzione secondaria delle malattie cardiovascolari.

CORDIOPREV è uno studio clinico randomizzato a Centro singolo condotto presso l'ospedale universitario Reina Sofia di Córdoba, in Spagna.
I pazienti con malattia coronarica accertata di età compresa tra 20 e 75 anni sono stati assegnati in modo casuale dalla Scuola Andalusa di Salute Pubblica a ricevere una dieta mediterranea o un intervento di dieta a basso contenuto di grassi, con un follow-up di 7 anni.

I ricercatori clinici non conoscevano l'assegnazione del trattamento; i partecipanti la conoscevano. Un team di dietisti ha eseguito gli interventi dietetici.

L'esito primario ( valutato in base all'intention-to-treat [ ITT ] ) era un composito di eventi cardiovascolari maggiori, inclusi infarto del miocardio, rivascolarizzazione, ictus ischemico, arteriopatia periferica e morte cardiovascolare.

Nel periodo 2009-2012 sono stati arruolati in totale 1.002 pazienti, 500 ( 49.9% ) nel gruppo di dieta a basso contenuto di grassi e 502 ( 50.1% ) nel gruppo di dieta mediterranea.
L'età media era di 59.5 anni e 827 su 1.002 pazienti ( 82.5% ) erano uomini.

L'endpoint primario si è verificato in 198 partecipanti: 87 nel gruppo dieta mediterranea e 111 nel gruppo a basso contenuto di grassi ( tasso grezzo per 1.000 anni-persona: 28.1 nel gruppo di dieta mediterranea versus 37.7 nel gruppo a basso contenuto di grassi, log-rank P=0.039 ).

Gli hazard ratio ( HR ) multivariabili dei diversi modelli variavano da 0.719 a 0.753 a favore della dieta mediterranea. Questi effetti sono stati più evidenti negli uomini, con endpoint primari che si sono verificati in 67 dei 414 uomini ( 16.2% ) nel gruppo di dieta mediterranea rispetto a 94 dei 413 uomini ( 22.8% ) nel gruppo di dieta a basso contenuto di grassi ( HR multiaggiustato 0.669, log-rank P=0.013 ), rispetto a 175 donne per le quali non è stata trovata alcuna differenza tra i gruppi.

Nella prevenzione secondaria, la dieta mediterranea è risultata superiore alla dieta a basso contenuto di grassi nella prevenzione di eventi cardiovascolari maggiori.
I risultati sono rilevanti per la pratica clinica, supportando l'uso della dieta mediterranea nella prevenzione secondaria. ( Xagena2022 )

Delgado-Lista J et al, Lancet 2022; 399: 1876-1885

Cardio2022 Nutri2022



Indietro