Xagena Mappa
Medical Meeting
XagenaNewsletter
Gastrobase.it

Nutrizione precoce enterale versus parenterale negli adulti ventilati con shock: studio NUTRIREA-2


Non è chiaro se la via della alimentazione precoce influisca sugli esiti dei pazienti con gravi malattie critiche.
Si è ipotizzato che gli esiti fossero migliori con la nutrizione enterale precoce di prima linea rispetto alla nutrizione parenterale precoce di prima linea.

Nello studio randomizzato, controllato, multicentrico, in aperto, NUTRIREA-2, effettuato presso 44 Unità di terapia intensiva ( ICU ) francesi, adulti di 18 anni o più che ricevevano ventilazione meccanica invasiva e supporto vasopressorio per shock, sono stati assegnati in modo casuale a nutrizione parenterale o nutrizione enterale, entrambe mirate a obiettivi normocalorici ( 20-25 kcal/kg al giorno ), entro 24 ore dall'intubazione.

La randomizzazione è stata stratificata per Centro. I pazienti che assumevano la nutrizione parenterale potevano passare alla nutrizione enterale dopo almeno 72 ore in caso di risoluzione dello shock ( nessun supporto vasopressorio per 24 ore consecutive e lattato arterioso inferiore a 2 mmol/l ).

L'endpoint primario era la mortalità al giorno 28 dopo la randomizzazione nella popolazione intention-to-treat.

Tra il 2013 e il 2015, 2.410 pazienti sono stati arruolati e assegnati in modo casuale; 1.202 al gruppo enterale e 1.208 al gruppo parenterale.

Al giorno 28, 443 su 1.202 pazienti ( 37% ) nel gruppo enterale e 422 su 1.208 ( 35% ) pazienti nel gruppo parenterale erano deceduti ( stima di differenza assoluta 2.0%; P=0.33 ).

L'incidenza cumulativa di pazienti con infezioni acquisite in ICU non differiva tra il gruppo enterale ( 173, 14% ) e il gruppo parenterale ( 194, 16%; hazard ratio, HR=0.99; P=0.25 ).

Rispetto al gruppo parenterale, il gruppo enterale ha mostrato una incidenza cumulativa più elevata di pazienti con vomito ( 406, 34%, vs 246, 20%; HR=1.89; P minore di 0.0001 ), diarrea ( 432, 36%, vs 393, 33%; 1.20; P=0.009 ), ischemia intestinale ( 19, 2%, vs 5, inferiore a 1%; 3.84; P=0.007) e pseudo-ostruzione del colon acuta ( 11, 1%, vs 3, inferiore a 1%; 3.7; P=0.04 ).

Negli adulti critici con shock, la nutrizione enterale isocalorica precoce non ha ridotto la mortalità o il rischio di infezioni secondarie, ma è stata associata a un maggior rischio di complicazioni digestive rispetto alla nutrizione parenterale isocalorica precoce. ( Xagena2018 )

Reignier J et al, Lancet 2018; 391: 133-143

Nutri2018 Med2018



Indietro