Xagena Mappa
Medical Meeting
Farmaexplorer.it
Gastrobase.it

Nutrizione enterale ad alto contenuto di proteine arricchita con nutrienti immunomodulanti vs nutrizione enterale ad alto contenuto di proteine standard e infezioni nosocomiali in terapia intensiva


La somministrazione di nutrienti immunomodulanti ( ad esempio, Glutammina, Acidi grassi Omega-3, Selenio e antiossidanti ) potrebbe ridurre le infezioni e migliorare il recupero da malattie gravi.
Tuttavia, esiste controversia sull'uso della nutrizione enterale immunomodulante, riflessa dalla mancanza di consenso nelle linee guida.

Si è determinato se la nutrizione enterale iperproteica arricchita con sostanze nutrienti immuno-modulanti ( IMHP ) possa ridurre l'incidenza di infezioni rispetto alla nutrizione enterale ad alto contenuto di proteine standard ( HP ) in pazienti critici con ventilazione meccanica.

Lo studio MetaPlus, uno studio randomizzato, in doppio cieco, multicentrico, è stato condotto nel periodo 2010-2012 compreso un follow-up di 6 mesi in 14 Unità di terapia intensiva ( UTI ) nei Paesi Bassi, Germania, Francia e Belgio.
In totale 301 pazienti adulti che avevano necessità di essere ventilati per più di 72 ore e di richiedere nutrizione enterale per più di 72 ore sono stati randomizzati a nutrienti immunomodulanti ( n=152 ) o a nutrizione enterale ad alto contenuto di proteine ( n=149 ) e sono stati inclusi in una analisi intent-to-treat, eseguita per la popolazione totale e per sottopopolazioni predefinite in base ad eventi medici, chirurgici, e traumatici.

La nutrizione enterale ad alto contenuto di proteine arricchita con sostanze nutrienti immunomodulanti verso la nutrizione enterale ad alto livello di proteine è iniziata entro 48 ore dal ricovero in terapia intensiva ed è proseguita durante la degenza in terapia intensiva per un massimo di 28 giorni.

L'end point primario era l'incidenza di nuove infezioni secondo le definizioni dei CDC ( Centers for Disease Control e Prevention ).
Gli end point secondari includevano mortalità, punteggi SOFA ( Sequential Organ Failure Assessment ), durata della ventilazione meccanica, lunghezza della permanenza in terapia intensiva e in ospedale e sottotipi di infezioni secondo le definizioni CDC.

Non sono state rilevate differenze statisticamente significative nella incidenza di nuove infezioni tra i gruppi: 53% nel gruppo IMHP vs 52% nel gruppo HP ( P=0.96 ).

Nessuna differenza statisticamente significativa è stata osservata in altri endpoint, eccetto per un più alto tasso di mortalità a 6 mesi nel sottogruppo medico: 54% nel gruppo IMHP vs 35% nel gruppo HP ( P=0.04 ), con un hazard ratio ( HZ ) di 1.57 ( P=0.04 ) per la mortalità a 6 mesi aggiustata per età e punteggio Acute Physiology and Chronic Health Evaluation II, confrontando i gruppi.

In conclusione, tra pazienti adulti che respirano con l'ausilio della ventilazione meccanica in terapia intensiva, la nutrizione enterale iperproteica arricchita con sostanze nutrienti immunomodulanti confrontata con la nutrizione enterale iperproteica standard non ha migliorato le complicanze infettive o altri endpoint clinici e può essere dannosa, come suggerito da un aumento della mortalità aggiustata a 6 mesi.
Questi esiti non supportano l'uso di sostanze nutritive immunomodulanti in questi pazienti. ( Xagena2014 )

van Zanten ARH et al, JAMA 2014;312:514-524

Med2014



Indietro