Xagena Mappa
Medical Meeting
Reumabase.it
Mediexplorer.it

L'effetto della dieta priva di glutine sul rischio cardiovascolare non è ben definito


Una revisione sistematica non ha dimostrato chiaramente che una dieta priva di glutine abbia un impatto negativo complessivo sui rischi cardiovascolari nei pazienti con malattia celiaca.
Sebbene i risultati fossero incoerenti tra gli studi, e i ricercatori avessero osservato alterazioni in alcuni fattori di rischio cardiovascolare, si è concluso che i dati non supportano l'adozione di una dieta priva di glutine per la salute cardiovascolare in soggetti senza celiachia.

La revisione si è concentrata sul potenziale della dieta priva di glutine di influenzare i fattori di rischio cardiovascolari modificabili tra cui il peso, la pressione sanguigna, il colesterolo e gli zuccheri nel sangue.
Sono stati cercati studi che hanno misurato questi fattori di rischio negli individui prima e dopo l'adozione di una dieta priva di glutine.

Sono stati esaminati 27 studi che hanno valutato l'effetto di una dieta priva di glutine mantenuta per un minimo di 6 mesi su fattori di rischio cardiovascolare come indice di massa corporea ( BMI ), circonferenza di vita, pressione sanguigna, glicemia a digiuno, emoglobina A1c ( emoglobina glicata ) e lipidi sierici.
Sei studi di coorte e due studi di controllo randomizzati sono stati ritenuti ad alto rischio di parzialità.
Gli altri 19 studi hanno presentato un rischio moderato di bias poiché la maggior parte degli studi ha limitato i partecipanti a un gruppo selezionato di pazienti celiaci.

Per quanto riguarda l'aderenza, sono stati valutati 19 studi di coorte e uno studio controllato randomizzato.
I metodi per misurare l'aderenza sono stati vari (sierologia, resoconti personali, risposta sintomatica alla dieta, biopsia, ecc. ) e uno studio non ha riportato l’aderenza.

La letteratura attualmente è limitata ai pazienti con malattia celiaca e in questo gruppo gli studi hanno mostrato che ci sono piccoli cambiamenti in alcuni fattori di rischio cardiovascolare associati all'adozione di una dieta priva di glutine, senza indicazione di evidenti benefici o danni nel rischio cardiovascolare globale.

Si è costantemente osservato che una dieta priva di glutine porta a un minore aumento di peso nei pazienti celiaci, ma non è chiaro se ciò sia dovuto a una inversione del danno dell'intestino tenue causato dalla malattia celiaca, o dalla dieta stessa.

Un aumento dell'indice BMI nell'intervallo di peso normale è stato comune nei 12 studi valutati, sebbene 3 studi abbiano riportato un aumento della percentuale di pazienti sovrappeso dopo una dieta priva di glutine e due hanno riportato un calo significativo del peso corporeo.

Dei tre studi che hanno incluso dati sulla pressione sanguigna, due non hanno mostrato cambiamenti significativi e uno ha mostrato un aumento della pressione arteriosa sistolica e diastolica.
Due dei tre studi hanno riportato un significativo aumento dei livelli di glicemia dopo aver seguito una dieta priva di glutine e uno non ha riportato differenze significative tra i pazienti con diabete mellito di tipo 1.

Tre studi su sei hanno mostrato un significativo aumento del colesterolo totale; cinque studi su sei hanno mostrato un aumento significativo delle lipoproteine ad alta densità; tre su quattro non hanno mostrato cambiamenti significativi nelle lipoproteine a bassa densità, mentre uno ha riportato un aumento significativo; e quattro su cinque studi non hanno mostrato cambiamenti significativi nei livelli di trigliceridi, mentre uno ha riportato un aumento significativo.

Con le prove attuali, non vi è alcuna base per raccomandare una dieta priva di glutine per la salute cardiovascolare a pazienti senza celiachia, e non ci sono prove evidenti che la dieta priva di glutine influenzi negativamente il rischio cardiovascolare in pazienti con malattia celiaca. ( Xagena2017 )

Fonte: Medical Journal of Australia, 2017

Gastro2017 Nutri2017 Med2017 Cardio2017



Indietro