Polmoniti comunitarie - Percorso Diagnostico-Terapeutico
Xagena Newsletter
Xagena Mappa
Xagena Newsletter

La supplementazione di routine con olio di pesce aumenta il rischio di fibrillazione atriale incidente


Il rischio di fibrillazione atriale incidente è risultato maggiore in coloro che hanno fatto uso in modo abituale dell'integrazione di olio di pesce rispetto a quelli che non l'hanno fatto.

Inoltre, la predisposizione genetica alla fibrillazione atriale, l'assenza di diagnosi di malattia cardiovascolare al basale e il consumo di pesce grasso non hanno modificato l'associazione trovata tra l'integrazione di olio di pesce e il rischio di fibrillazione atriale.

La popolazione generale dovrebbe essere informata dei potenziali rischi di fibrillazione atriale con l'integrazione di olio di pesce; e i medici dovrebbero bilanciare il rapporto rischio-beneficio con l'integrazione di olio di pesce, dato che il beneficio cardiovascolare dell'integrazione di olio di pesce è rimasto indeterminato nei precedenti studi clinici.

In un ampio studio prospettico di coorte longitudinale, sono stati valutati 468.665 partecipanti della coorte della UK Biobank che non manifestavano fibrillazione atriale con l'obiettivo di osservare la relazione tra l'integrazione di olio di pesce e il rischio di fibrillazione atriale.

Sono stati presi in esame sottogruppi di rischio genetico di fibrillazione atriale, malattia cardiovascolare di base e consumo di pesce grasso per osservare eventuali cambiamenti in questa associazione.

Per il rischio genetico di fibrillazione atriale, i partecipanti sono stati stratificati in tre gruppi: rischio basso, intermedio e alto.

Nella coorte, l'età media era di 57 anni e il 45% erano uomini. Al basale, il 31.6% dei partecipanti ha informato i ricercatori dell'assunzione abituale di olio di pesce e il 5% aveva una malattia cardiovascolare.

Il tempo mediano di follow-up è stato di 11.1 anni.

In questo lasso di tempo coloro che facevano uso di olio di pesce avevano un tasso del 6.2% di fibrillazione atriale incidente rispetto a un tasso del 5.2% nei non-utilizzatori ( hazard ratio aggiustato, aHR=1.1; IC 95%, 1.07- 1.13 ).

Il tasso di fibrillazione atriale incidente in tutti i gruppi a rischio genetico era maggiore nei consumatori di olio di pesce rispetto ai non-utilizzatori ( basso rischio genetico, 3.7% versus 3%; aHR = 1.08; IC 95%, 1.01-1.16; rischio genetico intermedio, 5.8% vs 4.8%; aHR = 1.1; IC 95%, 1.06-1.14; alto rischio genetico, 9.8% vs 8.1%; aHR = 1.11; IC 95%, 1.06-1.15 ).

Questo tasso più elevato di fibrillazione atriale incidente nei consumatori di olio di pesce è stato osservato in quelli senza malattia cardiovascolare al basale ( 5.3% vs 4.1%; aHR = 1.13; IC 95%, 1.1-1.17; P minore di 0.0001 ) ma non in quelli con malattia cardiovascolare al basale ( 11.6% vs 11.1%; aHR = 1.01; IC 95%, 0.97-1.06; P = 0.56; P per interazione minore di 0.0001 ).

La relazione tra l'uso di olio di pesce e il rischio di fibrillazione atriale non è stata modificata dalla frequenza del consumo di pesce grasso ( P per interazione = 0.62 ).

I futuri studi clinici che esamineranno gli effetti della supplementazione di olio di pesce sul rischio di fibrillazione atriale incidente dovrebbero considerare una più lunga durata di follow-up. ( Xagena2022 )

Fonte: European Journal of Preventive Cardiology, 2022

Cardio2022 Nutri2022



Indietro