Xagena Mappa
Medical Meeting
Neurobase.it
Mediexplorer.it

La dieta mediterranea migliora la funzione delle lipoproteine ​​ad alta densità in soggetti ad alto rischio cardiovascolare


Le funzioni biologiche delle lipoproteine ad alta densità ( HDL ) contribuiscono a spiegare il ruolo cardioprotettivo della lipoproteine oltre i livelli quantitativi di colesterolo HDL.
Alcuni interventi di piccole dimensioni con un singolo antiossidante hanno migliorato alcune funzioni delle HDL.

Tuttavia, ad oggi, nessuno studio a lungo termine, su larga scala, randomizzato e controllato, è stato condotto per valutare gli effetti di un modello alimentare ricco di antiossidanti ( come ad esempio una dieta mediterranea tradizionale; TMD ) sulla funzione delle HDL negli esseri umani.

È stato eseguito uno studio in un sottocampione casuale di volontari dello studio PREDIMED ( Prevención con Dieta Mediterránea; n=296 ), dopo un intervento di un anno.

Sono stati confrontati gli effetti di due diete mediterranee tradizionali, una arricchita con olio di oliva vergine ( TMD-VOO; n=100 ) e l'altra arricchita con frutta a guscio ( TMD-Nuts; n=100 ), rispetto a una dieta povera di grassi di controllo ( n=96 ).

Sono stati valutati gli effetti di entrambe le diete tradizionali mediterranee sul ruolo delle particelle HDL nel trasporto inverso del colesterolo ( capacità di efflusso del colesterolo, capacità delle HDL di esterificare il colesterolo, e attività della proteina di trasferimento degli esteri del colesterolo ), le proprietà antiossidanti delle HDL ( attività di paraoxonasi-1 e arilesterasi e capacità antiossidante totale di HDL sulle lipoproteine a bassa densità ) e la capacità di vasodilatazione delle HDL ( capacità delle HDL di indurre il rilascio di ossido nitrico nelle cellule endoteliali ).

È stato anche studiato l’effetto di una dieta mediterranea tradizionale su varie caratteristiche legate alla qualità delle HDL ( ossidazione delle particelle HDL, resistenza alla modificazione ossidativa, principale composizione lipidica e proteica, e distribuzione granulometrica ).

Entrambe le diete mediterranee tradizionali hanno aumentato le capacità di efflusso di colesterolo rispetto al basale ( P=0.018 e P=0.013 per TMD-VOO e TMD-Nuts, rispettivamente ). 

L'intervento con TMD-VOO ha diminuito l’attività della proteina di trasferimento del colesteril-estere ( rispetto al valore basale, P=0.028 ) e ha aumentato la capacità delle HDL di esterificare il colesterolo, attività paraoxonasi-1 e arilesterasi, e la capacità di vasodilatazione delle HDL ( rispetto al controllo, P=0.039, P=0.012 e P=0.026, rispettivamente ).

L’aderenza a una dieta mediterranea tradizionale ha indotto questi cambiamenti benefici migliorando lo stato ossidativo delle HDL e la composizione. 
Le tre diete hanno aumentato la percentuale di grandi particelle HDL ( rispetto ai valori basali, P minore di 0.001 ).

In conclusione, la dieta mediterranea tradizionale, specialmente quando arricchita con olio vergine, migliora le funzioni ateroprotettive delle HDL nell'uomo. ( Xagena2017 )

Hernáez Á et al, Circulation 2017; 135: 633-643


Cardio2017 Nutro2017



Indietro