Polmoniti comunitarie - Percorso Diagnostico-Terapeutico
Xagena Newsletter
Xagena Mappa
Xagena Newsletter

Indice infiammatorio dietetico e incidenza di demenza


L'invecchiamento è caratterizzato da uno spostamento funzionale del sistema immunitario verso un fenotipo proinfiammatorio.
Questo squilibrio è stato associato al declino cognitivo ed è stato implicato nella patogenesi della demenza.
La dieta può modulare l'infiammazione sistemica; quindi può essere uno strumento prezioso per contrastare il rischio associato di deterioramento cognitivo e demenza.

Uno studio ha esaminato le associazioni tra il potenziale infiammatorio della dieta, valutato con un indice infiammatorio dietetico ( DII ) facilmente applicabile, basato sulla popolazione e convalidato da biomarcatori, e il rischio di demenza negli anziani che vivono in comunità.

Gli individui della Hellenic Longitudinal Investigation of Aging and Diet ( HELIAD ) sono stati inclusi in uno studio di coorte.
I partecipanti sono stati reclutati attraverso un campionamento casuale della popolazione e sono stati seguiti per una media di 3.05 anni.

La diagnosi di demenza si è basata su criteri clinici standard. I pazienti con demenza di base o dati di follow-up cognitivo mancanti sono stati esclusi dalle analisi.
Il potenziale infiammatorio della dieta è stato valutato attraverso un punteggio DII che considera le associazioni derivate dalla letteratura di 45 parametri alimentari con i livelli di citochine proinfiammatorie e antinfiammatorie nel sangue; valori più elevati indicavano una dieta più proinfiammatoria.

Le frequenze di consumo sono state derivate da un questionario dettagliato sulla frequenza degli alimenti e sono state standardizzate in base a dati normativi sull'assunzione dietetica rappresentativi di 11 diversi Paesi.
L'analisi dell'incidenza della demenza in funzione dei punteggi DII di base è stata eseguita dai modelli di rischio proporzionale di Cox.

Le analisi hanno incluso 1.059 individui ( età media 73.1 anni, 40.3% maschi, istruzione media 8.2 anni ), 62 dei quali hanno sviluppato demenza incidente.
Ogni unità aggiuntiva del punteggio DII è stata associata a un aumento del 21% del rischio di incidenza di demenza ( hazard ratio, HR=1.21; P=0.023 ).

Rispetto ai partecipanti al terzile di punteggio DII più basso, i partecipanti a quello più alto ( potenziale di dieta proinfiammatoria massima ) avevano 3 volte ( P=0.014 ) più probabilità di sviluppare demenza incidente.
Anche il test per la tendenza è risultato significativo, indicando una potenziale relazione dose-risposta ( P=0.014 ).

Nel presente studio, punteggi DII più elevati ( che indicano un maggiore potenziale di dieta proinfiammatoria ) sono stati associati a un aumentato rischio di demenza incidente.
Questi risultati potrebbero avvalersi dello sviluppo di strategie preventive della demenza primaria attraverso interventi dietetici su misura e precisi. ( Xagena2021 )

Charisis S et al, Neurology 2021; 97: e2381-e2391

Neuro2021 Nutri2021



Indietro