Xagena Mappa
Medical Meeting
Onco News
Neurobase.it

Dieta vegetariana a basso contenuto calorico rispetto alla dieta mediterranea per ridurre il peso corporeo e migliorare il profilo di rischio cardiovascolare


Sono disponibili solo alcuni studi di intervento dietetico randomizzato che hanno studiato gli effetti della dieta latto-ovo-vegetariana in soggetti onnivori clinicamente sani.

Sono stati assegnati in modo casuale a onnivori in sovrappeso con un profilo di rischio cardiovascolare da basso a moderato a una dieta vegetariana a basso contenuto calorico rispetto a una dieta a mediterranea a basso contenuto calorico, ciascuna della durata di 3 mesi, con un disegno crossover.

L'esito primario era la differenza di peso corporeo, indice di massa corporea ( BMI ) e cambiamenti di massa grassa tra i due gruppi.
Gli esiti secondari erano rappresentati dalle differenze nei cambiamenti dei parametri di rischio di malattia cardiovascolare circolanti tra i due gruppi.

Sono stati arruolati 118 soggetti ( età media: 51.1 anni, donne: 78% ).
Il tasso di partecipazione totale alla fine dello studio è stato dell'84.7%.

Non sono state osservate differenze tra le due diete nel peso corporeo, come riportato da analoghe e significative riduzioni ottenute sia dalla dieta vegetariana ( -1.88 kg ) che dalal dieta mediterranea ( -1.77 kg ).

Risultati simili sono stati osservati per l'indice di massa corporea e la massa grassa.

Per contro, differenze significative tra i due interventi sono state ottenute per i livelli di colesterolo LDL, trigliceridi, e vitamina B12.

La differenza tra i gruppi dieta vegetariana e dieta mediterranea, in termini di valori a fine dieta, è stata registrata a 9.10 mg/dl per il colesterolo LDL ( P=0.01 ), a 12.70 mg/dl per i trigliceridi ( P minore di 0.01 ) e a 32.32 pg/ml per la vitamina B12 ( P minore di 0.01 ).

Infine, nessuna differenza significativa è stata trovata tra dieta vegetariana e dieta mediterranea nei marcatori di stress ossidativo e citochine infiammatorie, eccetto per l’interleuchina-17 ( IL-17 ), che è migliorata solo nel gruppo dieta mediterranea.
46 partecipanti durante il periodo con dieta vegetariana e 35 durante il periodo con dieta mediterranea hanno raggiunto i valori target per uno o più fattori di rischio cardiovascolare.

In conclusione, sia la dieta mediterranea che la dieta vegetariana sono state efficaci nel ridurre il peso corporeo, l'indice di massa corporea e la massa grassa, senza differenze significative tra loro.
Tuttavia, la dieta vegetariana è risultata essere più efficace nel ridurre i livelli di colesterolo LDL, mentre la dieta mediterranea ha portato a una maggiore riduzione dei livelli di trigliceridi. ( Xagena2018 )

Sofi F et al, Circulation 2018; 137: 1103-1113

Cardio2018 Endo2018



Indietro