XagenaNewsletter
Xagena Mappa
Medical Meeting
Cardiobase

Biomarcatori degli Acidi grassi Omega-6 assunti con la dieta e malattia cardiovascolare incidente e mortalità


Le raccomandazioni dietetiche globali e gli effetti cardiovascolari dell'Acido Linoleico, il principale Acido grasso Omega-6 nella dieta e il suo principale metabolita, l'Acido Arachidonico, rimangono controversi.
Per far fronte a questa incertezza e informare le raccomandazioni internazionali, si è valutato in che modo i livelli circolanti e tissutali in vivo di Acido Linoleico e Acido Arachidonico si relazionino con malattie cardiovascolari incidenti in numerosi studi internazionali.

Sono state effettuate analisi armonizzate, de novo, a livello individuale in un consorzio globale di 30 studi osservazionali prospettici provenienti da 13 Paesi.
Sono state studiate le associazioni regolate per multivariabili di biomarcatori di Acido Linoleico e Acido Arachidonico del tessuto adiposo e circolanti con malattia cardiovascolare totale incidente e sottotipi ( cardiopatia coronarica, ictus ischemico, mortalità cardiovascolare ) secondo un piano analitico prespecificato.

I livelli di Acido Linoleico e Acido Arachidonico, misurati come percentuale degli acidi grassi totali, sono stati valutati linearmente in base al loro intervallo interquintile ( cioè l'intervallo tra il punto medio del primo e del quinto quintile ) e categoricamente per quintili.
I risultati specifici dello studio sono stati riuniti usando la meta-analisi ponderata di varianza inversa.
L'eterogeneità è stata esaminata per età, sesso, etnia, diabete mellito, uso di statine, uso di Aspirina, livelli di Omega-3, e genotipo di desaturasi 1 degli acidi grassi.

In 30 studi prospettici con mediane di follow-up comprese tra 2.5 e 31.9 anni, 15.198 eventi cardiovascolari incidenti si sono verificati tra 68.659 partecipanti.

Livelli più elevati di Acido Linoleico sono risultati significativamente associati a minori rischi di malattia cardiovascolare totale, mortalità cardiovascolare e ictus ischemico, con hazard ratio per intervallo interquintile di 0.93, 0.78 e 0.88, rispettivamente, e in modo non-significativo con un rischio inferiore di coronaropatia ( 0.94 ).
Le relazioni sono state simili per Acido Linoleico valutato su tutti i quintili.

I livelli di Acido Arachidonico non sono stati associati a un rischio maggiore di esiti cardiovascolari; in un confronto tra quintili estremi, livelli più alti sono stati associati a un minore rischio di malattia cardiovascolare totale ( 0.92 ).
Nessuna eterogeneità costante per sottogruppi di popolazione è stata identificata nelle relazioni osservate.

Nelle analisi globali riunite, i livelli più elevati in vivo circolanti e tissutali di Acido Linoleico e probabilmente Acido Arachidonico sono stati associati a un minor rischio di eventi cardiovascolari maggiori.
Questi risultati supportano un ruolo favorevole per l'Acido Linoleico nella prevenzione della malattia cardiovascolare. ( Xagena2019 )

Marklund M et al, Circulation 2019; 139: 2422-2436

Cardio2019 Endo2019 Nutri2019



Indietro