Forum Ematologico 2023-2024
Xagena Newsletter
Xagena Mappa
Xagena Newsletter

Associazioni di colesterolo alimentare, colesterolo sierico e consumo di uova con mortalità generale e causa-specifica


Nonostante ricerche sostanziali mettano in evidenza l'importanza dell'assunzione di colesterolo nella dieta esogena e del livello di colesterolo sierico endogeno nella salute umana, manca una valutazione approfondita delle associazioni.
È stata esaminata la mortalità complessiva e specifica per causa in relazione al colesterolo nella dieta e nel siero, nonché al consumo di uova, ed è stata condotta un'analisi di meta-regressione aggiornata degli studi di coorte.

È stata condotta un'analisi prospettica di 27.078 uomini nello studio ATBC ( Alfa-Tocopherol, Beta-Carotene Cancer Prevention ).
È stata inoltre eseguita una revisione sistematica e una meta-analisi degli studi di coorte.

Sulla base di 482.316 anni-persona di follow-up, sono stati identificati 22.035 decessi, inclusi 9.110 decessi per malattie cardiovascolari ( CVD ).
Un maggiore consumo di colesterolo e di uova nella dieta è stato associato a un aumento del rischio di mortalità generale ed è stato correlato alle malattie cardiovascolari.

Gli hazard ratio ( HR ) per ogni assunzione aggiuntiva di 300 mg di colesterolo al giorno sono stati rispettivamente di 1.10 e 1.13 per la mortalità complessiva e correlata alle malattie cardiovascolari; per ogni uovo aggiuntivo di 50 g consumato giornalmente, gli hazard ratio sono stati rispettivamente di 1.06 e 1.09 per la mortalità complessiva e correlata alle malattie cardiovascolari ( tutti i valori P minore di 0.0001 ).

Dopo aggiustamento multivariato, concentrazioni sieriche di colesterolo totale più elevate sono state associate a un aumentato rischio di mortalità correlata a malattia cardiovascolare ( hazard ratio per 1 incremento SD, 1.14; P minore di 0.0001 ).

Le associazioni osservate sono state generalmente simili tra i sottogruppi di coorte. La meta-analisi aggiornata degli studi di coorte sulla base di 49 stime del rischio, 3.601.401 partecipanti e 255.479 eventi ha mostrato che il consumo aggiuntivo di 1 uovo da 50 g al giorno è stato associato a un rischio di malattia cardiovascolare significativamente aumentato ( rischio relativo [ RR ] aggregato, 1.04; I2=80.1% ).

Nell'analisi dei sottogruppi delle regioni geografiche ( P per interazione=0.02 ), un aumento di 50 g di uova consumate giornalmente è stato associato a un rischio più elevato di malattia cardiovascolare nelle coorti statunitensi ( rischio relativo aggregato, 1.08 ) ed è sembrato correlato a un rischio cardiovascolare più elevato nelle coorti europee con significatività borderline ( RR aggregato, 1.05 ), ma non è stato associato al rischio di malattia cardiovascolare nelle coorti asiatiche.

In questo studio prospettico di coorte e nella meta-analisi aggiornata, un maggiore consumo di colesterolo e uova nella dieta è risultato associato a un aumento del rischio di mortalità generale e correlata alle malattie cardiovascolari.
I dati supportano il consumo limitato di colesterolo nella dieta come mezzo per migliorare la salute e la longevità a lungo termine. ( Xagena2022 )

Zhao B et al, Circulation 2022; 145: 1506-1520

Endo2022 Cardio2022 Nutri2022



Indietro